8 e 9 MAGGIO: RICORDO E RICONCILIAZIONE PER COLORO CHE HANNO PERSO LA SECONDA GUERRA MONDIALE

Buongiorno miei cari lettori. La giornata di oggi e quella di domani, sono tra le più importanti, da quando ho aperto una rubrica dedicata alle ricorrenze mondiali. L’argomento principale, La Seconda Guerra Mondiale, uno dei conflitti più brutali che il mondo e l’intera storia del genere umano, abbiano mai conosciuto.

A differenza i altre ricorrenze, questa la conoscevo piuttosto bene. Sono sempre stato un grandissimo appassionato di storia. Era una delle pochissime materie a scuola, che studiavo con piacere e non solamente perché dovevo. Ritengo che una buona conoscenza del passato, impedisca a tutti noi di commettere gli stessi errori dei nostri avi. Conoscere bene la storia ed il passato del mondo, aiuta a rendere migliore il nostro futuro. O almeno, così dovrebbe essere. Come tutti i grandi appassionati di storia, ovviamente, le guerre hanno da sempre stimolato dentro di me un certo fascino. Con questo, non dico che sono a favore, tuttavia, nessuno può negare che sia avvincente studiarle. In particolare, le due guerre mondiali.

La seconda guerra mondiale, ebbe inizio il primo settembre 1939. La Germania nazista, invase la Polonia e in breve tempo, le maggiori potenze mondiali, si buttarono nella “mischia”. Fu una guerra brutale e spietata. Ad oggi, sono circa 55 milioni i morti, tra soldati e civili. Senza contare, il quasi totale stermini di un’intera popolazione, quella ebraica.

Nel 2004, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, decise di instituire questa ricorrenza, della durata di due giorni, per dare modo a tutte le nazioni del mondo di commemorare tutte le vittime. Come ormai noto, ogni Paese festeggia il proprio giorno della memoria. Queste due giornate, sono un’occasione per commemorare tutti insieme i caduti. Questo vale per le nazioni vincitrici e vinte. Un momento di riconciliazione, per ricordare il massacro che abbiamo compiuto “ieri”, in modo da non commetterlo più “domani”.

È fondamentale capire che in realtà in tutte le guerre, nessuna esclusa, l’unica vincitrice è la morte. In mondo perfetto, questo sarebbe un concetto molto facile da capire. Sarebbe davvero bello, unire tutti i Paesi del mondo sotto un’unica bandiera. Condividere scoperte tecnologiche, aiutarci a vicenda senza pretendere nulla in cambio. Sfortunatamente però, il mondo è totalmente lungi dalla perfezione. Temo proprio, che per quanti sforzi si possano fare, i conflitti faranno sempre parte della nostra storia. Questo, è stato sempre il nostro più grande fallimento, come esseri umani.

 Spero vi sia piaciuto. Continuando a riflette sull’argomento, vi auguro un buon proseguimento, da Intimo Inchiostro.

PS: HO RECENTEMENTE DECISO DI MODIFICARE L’ANDAMNTO DELLA RUBRICA. PERTANTO, SCRIVERO’ NUOVI ARTICOLI, SULL’ARGOMENTO RICORRENZE, NON OGNI GIORNO, COME IN PRECEDENZA. FARO’ UNA MIA SELEZIONE PERSONALE E PUBBLICHERO’ SOLO LE RICORRENZE CHE RITERRO’ PIU’ INTERESSANTI.



Categorie:GIORNATE E RICORRENZE MONDIALI

Tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: